Psicologia perinatale: simbologia della madre sacrificio

LA MADRE SACRIFICIO
Si diventa madri facendosi cave, nell’utero e nella mente, accogliendo quello che c’è fuori e prendendosi cura di esso.
È vero che non si può essere cavi nella mente pensando solo a se stessi, ma si può essere cavi e pensare anche ad altro, perché essere madri non coincide con l’annullamento di sé.
Eppure, esiste ancora uno stereotipo graniticamente scisso da tutto il resto: quello della madre sacrificio che può esprimere se stessa solo nel prendersi cura di chi ha generato, e per estensione viene relegata a prendersi cura di tutti quelli che di cure hanno bisogno.
La madre sacrificio partorisce nella fatica e nel dolore; quindi, troviamo ancora numerose donne che hanno affrontato il taglio cesareo con un vissuto di inadeguatezza, che le porta ad avere un’autostima più fragile e più dubbi nell’interazione con il loro bambino. Ma soprattutto persiste il timore che la gravidanza annulli ogni potenziale evolutivo personale della donna.
A questo proposito riporto un sogno di una paziente, che ha difficoltà ad integrare il ruolo di madre sacrificio con la propria identità intellettuale e seduttiva, che sogna, alcuni mesi dopo il taglio cesareo, di dare alla luce il primo figlio da un grosso taglio nella gola. Nel sogno, questo taglio (tra testa e corpo) la deturpa e le causa difficoltà nel far sentire la propria voce; nella realtà, il sogno le crea grande senso di colpa.
È vero che i primissimi mesi di cure e di adattamento sono molto faticosi e spesso la stanchezza annienta; talvolta, l’unico obiettivo di una madre che si prende cura di un neonato è di dormire, riposare, prendersi un’ora per ritrovarsi con se stessa. E la paura più grande che esprimono queste donne è la mancanza di prospettiva di evoluzione, la paura che possa essere così per sempre: per sempre stanca, per sempre in simbiosi, per sempre e solo madre sacrificio.
Su questa prospettiva si può lavorare, rendendole consapevoli che il loro ruolo può e deve evolversi ed integrarsi, che la loro esperienza sarà una fonte alla quale potranno attingere e non un sacrificio che le schiaccia; che sentire di non voler vivere così non deve farle sentire cattive madri.
Ma soprattutto è importante capire che quando arriva un figlio – in qualsiasi modo arrivi – è l’inizio di tante nuove storie personali: di madri, padri, nonni… sicuramente non la fine della propria vita.
È vero che nulla tornerà come prima, ma tutto sarà più di prima.

Articolo completo su: https://www.psicologiametropolitana.it/la-madre-sacrificio/

Se senti il bisogno di condividere i tuoi vissuti emotivi con un professionista puoi prenotare un primo colloquio al numero
327 6134241
Risponde la Dott.ssa Valentina Santopolo che riceve presso lo studio di Roma Tiburtina, via Olindo Malagodi 35.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *